io e i rischi
forum ania consumatori help consumatori
primo piano

L’esperienza di Loredana Leoni,
Presidente A.N.DI.S Lombardia

castrovilliUn anno fa sono stata contattata dal Forum ANIA - Consumatori e da AEEE - Italia per collaborare alla sperimentazione del progetto Io&irischi. Ho accolto con molto piacere la proposta perché ritengo che la scuola debba occuparsi di economia, costruendo percorsi didattici adeguati all’età dei ragazzi, per consentire loro di costruire competenze di cittadinanza anche in questo campo. Dopo aver visionato i materiali e dato alcuni pareri sui contenuti e sulla metodologia del progetto, ho chiesto ai colleghi di Andis Lombardia di verificare la disponibilità dei docenti delle loro scuole a “testare” il progetto per verificare l’adeguatezza dei materiali in relazione agli obiettivi del progetto stesso.

IL RUOLO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI

I dirigenti scolastici rivestono un ruolo fondamentale nella promozione delle attività nella scuola. In casi come quello di Io&irischi, si trattava di individuare docenti, classi e condizioni che riconoscessero l’innovazione e sapessero inserire nel proprio percorso proposte che integrano e ampliano le conoscenze degli alunni della classe.

IO&IRISCHI NEL PROGRAMMA FORMATIVO

materialiVa detto che non sempre i docenti delle scuole secondarie di primo grado riescono a collaborare fruttuosamente; in questa occasione, invece, è richiesta una collaborazione fattiva tra insegnanti di diverse discipline. Inoltre, il percorso e i materiali proposti sono già pronti, ma adattabili alle singole programmazioni e quindi al livello di conoscenze raggiunto dalla classe.

Sono convinta che sarà interessante discutere i risultati della sperimentazione con i docenti delle diverse scuole coinvolte e confrontare le modalità di approccio agli strumenti. Il progetto consente poi di utilizzare conoscenze disciplinari in un contesto molto vicino a quello reale, quello che viene definito “compito complesso” dalla attuale ricerca in campo pedagogico.

A scuola si imparano molti contenuti che non sempre hanno una diretta collocazione nella vita di ogni giorno e i ragazzi faticano a comprenderne l’utilità. Ciò che mi è piaciuto subito del progetto è stata la possibilità di utilizzare linguaggi e procedure disciplinari in un contesto trasversale. Si parla molto di competenze: in questa iniziativa mi sembra si provi davvero a metterle in gioco.

 

focus on

focus on

Cos’è l’ANDIS e quali sono i principali campi d’azione dell’associazione.

La storia dell’A.N.DI.S. (Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici) è la storia di un’Associazione che, evitando spinte corporative, interpreta un ruolo politico-culturale profondamente radicato nell’etica pubblica. Essa è stata costituita nel 1988, in occasione del I Congresso nazionale di Chianciano, raccogliendo l’eredità del coordinamento nazionale dei Collegi dei Direttori didattici che già operava, a sua volta, da almeno un altro decennio su tutto il territorio nazionale.

È la più rappresentativa associazione professionale dei dirigenti scolastici e nasce da una forte istanza etica, politica e culturale. Ritiene centrale il ruolo della propria categoria per realizzare gli obiettivi dell’autonomia scolastica e per questo si pone obiettivi di promozione, sviluppo, progresso della scuola pubblica, a partire dalle esigenze professionali dei propri iscritti. È agenzia riconosciuta per la formazione del personale scolastico e organizza seminari e convegni dedicati a tematiche professionali riguardanti la scuola. Coinvolge gli associati in attività formative e in tavoli di lavoro per confrontarsi sui problemi e individuare soluzioni. In questo modo supera l’isolamento che in qualche caso caratterizza il lavoro del dirigente scolastico. Inoltre, è attiva in molti tavoli interistituzionali sia a livello nazionale che locale.